Ausino Servizi Idrici Integrati

Header

Acqua gassata o naturale?

Quando Joseph Priestley ha offerto per la prima volta ai suoi amici dell’acqua gassata, originariamente destinata ad essere usata come topicida, non sapeva che stava per sollevare lunghissimi anni di accese controversie.



Ad oltre due secoli di distanza infatti, le differenze tra acqua gassata e naturale, rimangono ancora argomento di grande discussione.

Il fatto che l’acqua gasata abbia un sapore gradevole e sia priva di zuccheri, coloranti, conservanti e edulcoranti l’ha resa per anni un’attraente bevanda alternativa per le persone attente alla propria salute – questo ovviamente finchè la ricerca non ha iniziato a sollevare qualche dubbio circa la reale “bontà” dell’acqua gasata.

Cosa dice la ricerca
L’Idratazione sembra sollevare le maggiori preoccupazioni circa il consumo costante di acqua frizzante. Si è infatti ipotizzato che l’acqua gasata metta sotto pressione i reni con conseguente rischio di disidratazione. La disidratazione è implicata nell’instaurarsi di numerosi problemi di salute tra cui stipsi, infezioni delle vie urinarie, artrite reumatoide ed osteoporosi.

L’adeguatezza dell’idratazione apportata dal consumo di acqua frizzante ha generato gravi preoccupazioni ed è stato oggetto di molte ricerche dai risultati contrastanti. Basti pensare infatti che uno studio pubblicato nel settembre del 2002 ha invece riportato effetti positivi dell’acqua gassata proprio sui pazienti affetti da stipsi.

Un gruppo di Odontoiatri dell’Università di Birmingham ha sfatato i timori di effetti erosivi dell’acqua gasata sullo smalto dentale, mentre un importante studio pubblicato nel 2000 sul “Journal of the American College of Nutrition“, ha escluso un’associazione tra consumo di acqua gasata e disidratazione.

La National Osteoporosis Foundation ha inoltre riportato che, a differenza di quanto era stato ipotizzato in passato, il consumo di acqua gasata non porterebbe ad un incrementato rischio di osteoporosi.

Pericoli e vantaggi
La ricerca ha segnalato anche alcuni benefici dell’acqua gasata, come il sollievo di bruciore di stomaco e stipsi, nonché un migliorato svuotamento della colecisti, ma nonostante questi risultati positivi, ricorrere all’acqua gasata come fonte principale di fluidi è sconsigliabile visto che la ricerca ha anche riportato effetti negativi quali irritazione esofagea, reflusso gastro-esofageo e sindrome del colon irritabile.

Gli effetti dell’acqua gassata sulla salute
L’anidride carbonica si forma anche naturalmente, già nelle sorgenti d’acqua, o può essere aggiunta durante il processo di elaborazione ed imbottigliamento. Le bevande gassate in cui sono presenti altri ingredienti, danno un colpo secco alla salute, mentre di base l’acqua gassata in sè non contiene sostanze nocive e presenta si alcuni effetti collaterali ma anche caratteristiche benefiche.

La preoccupazione principale di tutte le bevande gassate è il rischio di sviluppare un reflusso gastrico. Uno studio del 2006 presso la University of Southern California Keck School of Medicine ha mostrato che il 62% dei soggetti sani che hanno consumato bevande gassate hanno sviluppato resistenza ridotta dello sfintere esofageo inferiore con conseguente reflusso gastro-esofageo.

Alcune fonti hanno collegato il reflusso acido al tumore dell’esofageo, ma nel 2006, il “Journal of National Cancer Institute” ha riferito che il consumo di bevande gassate è invece inversamente associato al rischio di cancro esofageo.

Il Colesterolo
In uno studio italiano, soggetti affetti da ipercolesterolemia sono stati divisi in due gruppi: per 9 settimane un gruppo ha bevuto esclusivamente acqua minerale, mentre l’altro ha assunto solo acqua di rubinetto. Si sono riscontrati i seguenti risultati: nei pazienti che hanno consumato acqua minerale si è riscontrato un calo del colesterolo totale del 7,5% e il colesterolo LDL del 12,5 % . Ciò ha portato i ricercatori alla conclusione che l’acqua minerale, che può includere anche la versione gassata, può essere efficace nel ridurre i livelli di colesterolo.

Dispepsia
L’acqua termale esiste in natura. L’acqua calda che viene spesso gassata può contenere varie vitamine e minerali, a seconda della fonte d’acqua. Uno studio pubblicato su “Medicine Evidence Based Complementary and Alternative” nel 2007 ha indagato sull’ acqua termale composta da bicarbonato, solfato e calcio e i gli effetti sui pazienti con dispepsia o indigestione cronica, per un periodo di 12 giorni.

La maggior parte dei pazienti ha mostrato una riduzione dei sintomi; L’intensità dei sintomi è diminuita ad un livello tale da non interferire con le normali attività quotidiane.

Questo è stato seguito da un ulteriore studio svolto a Pisa, dove i ricercatori hanno scoperto che l’acqua minerale potrebbe aumentare le funzioni di secrezione gastrica nei pazienti con dispepsia.

Malattie cardiache
Uno studio sulla post-menopausa pubblicato in Spagna sul “The American Society for Nutritional Sciences” del mese di Maggio 2004, con una ricerca randomizzata su 2 gruppi di donne della durata di 2 mesi, ha constatato che l’acqua minerale gassata può aiutare a prevenire le malattie cardiache e a migliorare anche il metabolismo.

Osteoporosi
In passato alcuni studi avevano riportato un’associazione tra aumentato rischio di osteoporosi e consumo di bevande gassate. In realtà questi studi erano stati eseguiti con l’utilizzo di bevande caffeinate e zuccherate, mentre non esiste evidenza di tale associazione nel consumo di semplice acqua gassata. Anzi, uno studio del 2005 in Spagna, pubblicato sul “British Journal of Nutrition”, ha riportato il contrario, concludendo che l’acqua ricca di minerali carbonati uniformerebbe l’acidità nel corpo ed aiuterebbe a mantenere il calcio nelle ossa.

Quali sono i benefici dell’acqua gassata?
L’acqua gassata non è altro che acqua normale alla quale viene aggiunta anidride carbonica.

In Europa, sulle bottiglie di acqua gassata è d’obbligatorio esporre l’ etichetta relativa ai valori nutrizionale, così che il consumatore sia in grado di determinare il loro contenuto di minerali. Invece negli Stati Uniti, le etichette nutrizionali per l’acqua gassata sono facoltative e per lo più assenti.

Se hai difficoltà ad assumere gli 8-10 bicchieri giornalieri di acqua naturale per la corretta idratazione del corpo, l’acqua gassata potrebbe essere un’alternativa meno “noiosa”.

Benefici per la salute
Secondo uno studio pubblicato sul “European Journal of Gastroenterology and Hepatology,” l’acqua gassata può aiutare ad alleviare l’ indigestione e la costipazione più dell’acqua naturale.

Un contenuto di sodio superiore può aiutare a ridurre il colesterolo e ridurre il rischio di problemi cardiovascolari, quindi non optate automaticamente per le acque povere in sodio!

Riempimento
Secondo Chris Carmichael, editorialista dell’ “Outside Magazine”, l’acqua gassata provoca un senso di riempimento. Infatti, quando si cerca di perdere peso, bere un bicchiere di acqua gassata prima dei pasti tende a ridurre le dimensioni dei pasti mantenendo così la fame sotto controllo. Non va però dimenticato che le bevande gassate possono però causare gonfiore.

Effetti sul peso
I risultati di uno studio clinico condotto al “Virginia Tech University” sono stati presentati all’ “American Chemical Society”, dimostrano che le persone che hanno bevuto 2 bicchieri d’acqua prima dei pasti mangiavano fino a 90 calorie in meno. Nelle 12 settimane di durata dello studio, chi ha abitudinariamente adottato questa pratica prima dei tre pasti quotidiani ha perso 5 kg.

E’ fondamentale sottolineare che l’acqua gassata può si aiutare a perdere peso, ma solo se accostata ad una dieta sana ed equilibrata.

Quantità da Bere
Secondo la “Mayo Clinic”, la maggior parte dei medici raccomandano circa 8 o 9 tazze di acqua al giorno. L’Acqua gassata può far parte (in via non esclusiva) di questa assunzione quotidiana di liquidi. Un modo semplice per ricordare quanta acqua si deve bere è seguendo la semplice regola del “8 per 8 “: 8 bicchieri di acqua, 8 volte al giorno. In alcune condizioni potrebbe essere necessario bere di più, come ad esempio alle donne in gravidanza si consiglia di bere 13 bicchieri di acqua al giorno.

La buona regola è quindi quella di non esagerare. L’acqua gassata ha vantaggi e svantaggi rispetto a quella naturale, ed una quantità ragionevole di assunzione può portare benefici alla salute senza incorrere negli sgradevoli effetti collaterali come gonfiore e reflusso gastro-esofageo.


Articolo tratto da: www.dottoreacasa.com